Il restauro

San Francesco del Prato apre al culto, alla preghiera, all’arte e alla vita. 

Il recupero della chiesa all’uso liturgico si arricchisce di un’evidente valenza artistico – culturale. La presenza della comunità francescana si apre ad attività sociali e caritative, come pure all’assistenza pastorale della vicina Università, che potrà usufruire, come la città, dei nuovi spazi recuperati.

 Scorri per vedere il risultato finale della facciata

Gli esterni e la facciata


La facciata tornerà a filtrare la luce attraverso le due grandi monofore che nel cantiere di restauro in corso sono state ritrovate pressoché integre nella conformazione originaria. Le finestre carcerarie saranno chiuse, tamponate in continuità con il paramento gotico, lasciando inalterate le riquadrature delle finestre carcerarie in modo da mantenere la lettura della fase carceraria. lasciando un’impronta muraria che ne mantenga una traccia leggibile. Un segno tangibile della memoria del carcere sarà lasciato mediante il mantenimento delle grandi aperture carcerarie della parete laterale della chiesa. In facciata, sarà riaperta la porta sulla navata sinistra, dotate di bussola le due porte laterali, L’accesso dal sagrato piazzale sarà garantito mediante un nuovo livellamento dell’area.

Gli interni


Il lavoro di restauro sulle superfici sarà eseguito mediante la rimozione degli intonaci sovrammessi fino a ritrovare la pellicola pittorica originaria che sarà consolidata. Nella navata centrale si conservano pressoché intatti gli intonaci originari di colore bianco con ghiere che simulano il mattone intorno agli archi. Nelle colonne le parti affrescate saranno consolidate e nell’abside i preziosi affreschi comparsi sotto gli strati sovrammessi di tinteggiatura verranno restaurati. Il pavimento sarà in coccio pesto di calce e polvere laterizia: una stesura simile nella consistenza materiale e nell’aspetto a quella reperita nei frammenti ancora presenti in chiesa.

Il progetto di restauro

“Se vorrai ogni giorno col tuo sudore una pietra dopo l’altra… in alto arriverai.” Padre Jean-Marie Benjamin